Cosa è il SICOGE

Il SICOGE è il sistema per la gestione integrata della contabilità economica e finanziaria per le Amministrazioni Centrali dello Stato (Ministeri) e di alcune amministrazioni autonome dello Stato.

Il DPR 367/94 ha introdotto le tecnologie informatiche nelle procedure di spesa, so​stituendo le evidenze cartacee con quelle informatiche e ha previsto l'estinzione dei titoli di spesa mediante tutti i mezzi di accreditamento o di pagamento disponibili sul circuito bancario o postale.

La prima attuazione del DPR si è concretizzata, a partire dal 1999, con la realizzazione del mandato informatico. Successivamente attraverso il progetto del Sistema Informatizzato dei Pagamenti della Pubblica Amministrazione (SIPA) si è proceduto con l’informatizzazione delle altre tipologie di titoli.
 
Nell'ambito del progetto SIPA, la RGS ha realizzato e messo a disposizione delle singole Amministrazioni, a partire dal 2002, un sistema informativo di contabilità (SICOGE), integrato organicamente, tramite flussi informatici, con il Sistema Informativo della Ragioneria Generale dello Stato (SIRGS).
 
Il SICOGE ha automatizzato la gestione della contabilità finanziaria delle Amministrazioni attraverso tutte le fasi di predisposizione e gestione del Bilancio ed emissione degli atti di spesa (impegni, ordini di pagare, ordini di accreditamento, decreti di assegnazione fondi, ordinativi secondari di contabilità ordinaria) da sottoporre al riscontro e alla verifica di legalità da parte delle Ragionerie competenti (U.C.B. e R.T.S.).
 
Nel dicembre 2007 SICOGE si è arricchito di nuove funzionalità relative alle registrazioni di contabilità economico-patrimoniale-analitico.
Con questa ultima implementazione il SICOGE è diventato il sistema informativo per la gestione integrata della contabilità economica e finanziaria che consente alle Amministrazioni di effettuare sia le registrazioni di carattere economico-patrimoniale-analitico che quelle di tipo finanziario.

 
In sintesi il nuovo sistema permette quindi alle Amministrazioni di:​
​​
    • supportare il processo di formazione e gestione del bilancio finanziario
    • gestire tutte le fasi in ci si articola il processo di spesa sia da parte degli ordinatori primari che da parte degli ordinatori secondari (Funzionari Delegati)
    • alimentare in modo omogeneo, attendibile e tempestivo le scritture di contabilità economica analitica per centri di costo delle Amministrazioni centrali dello Stato secondo la logica della partita doppia
    • fornire dati per il controllo di gestione   

L’introduzione dei flussi telematici tra le Amministrazioni e le Ragionerie ha comportato:​
    • una riduzione del margine di errore (legato alle ripetute trascrizioni dei titoli) e dei tempi di inoltro e di lavorazione;
    • una conoscenza tempestiva per le Amministrazioni della situazione contabile dei propri capitoli di spesa;
    • un miglioramento dei servizi al cittadino/creditore

 

 
Il SICOGE è erogato, attualmente, in modalità ASP (Application Service Provider), ciò vuol dire che:​
 
    • è stato progettato su piattaforma web in ambiente intranet, accessibile secondo differenziati profili di utenza che rispecchiano la struttura organizzativa dell’Amministrazione
    • tutti gli ambienti di esercizio risiedono presso la RGS, che gestisce in modo centralizzato l’infrastruttura tecnico-organizzativa
    • RGS fornisce gratuitamente supporto tecnico, organizzativo e funzionale alle Amministrazioni
    • ai fini di una condivisione tra le parti, le Amministrazioni e la RGS hanno sottoscritto un Accordo di servizio che descrive i ruoli e i termini di erogazione del servizio SICOGE

 
Il riscontro dell'iniziativa da parte delle Amministrazioni è stato notevolissimo; la diffusione del SICOGE, iniziata alla fine del 2002, ha raggiunto a maggio 2009 i 16.000 utenti consentendo notevoli benefici in termini di standardizzazione delle procedure contabili e di conoscenza dei dati.

 
Più recentemente, a seguito dell’avvio del processo di fatturazione elettronica introdotto dal decreto ministeriale n.55 del 2013, il SICOGE ha avuto un ulteriore forte impulso sia in termini di implementazione di nuove funzioni sia in termini di nuovi utenti (oggi 36000 circa). 

 
A partire dal 6 giugno 2014, a seguito dell’obbligo introdotto dal DM 55/2013, il sistema SICOGE è stato implementato per ricevere dal Sistema di Interscambio le fatture elettroniche dirette alle articolazioni centrali e periferiche dei Ministeri, gestire le notifiche da e verso lo SdI, protocollare le fatture, e inviarle in conservazione. 

 
I Ministeri, pertanto, attraverso il SICOGE, ricevono le fatture elettroniche, le accettano o le rifiutano, le gestiscono in tutte le fasi del processo amministrativo-contabile fino all’emissione del titolo di spesa. 

 
Il SICOGE inoltre attraverso l’integrazione con il sistema di ciclo passivo e con il sistema di gestione dei consegnatari, realizzati dalla RGS, consente, per i beni e i servizi, la piena automazione del processo amministrativo.

 
Con l’uso del SICOGE come unico strumento contabile per i Ministeri, che colloquia anche con gli altri sistemi della RGS e in particolare con la Piattaforma per la Certificazione del Crediti, sono state standardizzate le operazioni contabili, razionalizzati i processi amministrativi ed è stato diffuso l’utilizzo di tecnologie  innovative per la digitalizzazione delle P.A. anche attraverso la dematerializzazione progressiva degli atti di spesa portando risparmi economici e velocità nei pagamenti.
​​